Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito, rispettiamo la privacy e le leggi. Accettali se vuoi proseguire.

  • COMETA  » Verso la comunità educante

    COMETA » Verso la comunità educante

    Appunti, riflessioni e idee per costruire una comunità educante del territorio altamurano
  • Un libro in prestito?  » #teloportiamoacasa

    Un libro in prestito? » #teloportiamoacasa

    Promuoviamo la lettura. Scegli il tuo libro, te lo consegneremo a domicilio.
  • Agor@dio  » La radio di comunità

    Agor@dio » La radio di comunità

    Ascolta i podcast realizzati dalla redazione
  • The Wall  » Scambio su arte e cambiamenti climatici

    The Wall » Scambio su arte e cambiamenti climatici

    Dal 17 al 24 agosto l'Agorateca ospita un gruppoi di giovani spagnoli

100 GIANNI RODARI headerNel 2020 anche l'Agorateca celebra i 100 anni dalla nascita di Gianni Rodari, tra i più importanti autori della letteratura dell'infanzia in Italia e nel mondo.

Gianni Rodari è nato a Omegna nel 1920. Dopo aver conseguito il diploma magistrale, per alcuni anni ha fatto l’insegnante. Al termine della Seconda guerra mondiale ha intrapreso la carriera giornalistica, e a partire dagli anni Cinquanta ha iniziato a pubblicare anche le sue opere per l’infanzia, che hanno ottenuto fin da subito un enorme successo di pubblico e di critica. I suoi libri hanno avuto innumerevoli traduzioni e hanno meritato diversi riconoscimenti, fra cui, nel 1970, il prestigioso premio «Hans Christian Andersen», considerato il «Nobel» della letteratura per l’infanzia.

Diverse iniziative accompagneranno l'anno appena iniziato, per ricordare e far conoscere l'opera di questo autore così importante nel panorama letterario internazionale.

L'Agorateca comincia con un appuntamento sabato 18 gennaio, alle ore 17,30 rivolto a bambini da 7 a 12 anni. Fiabe in restyling è un laboratorio di lettura e creatività in cui le fiabe verranno riscritte e reinterpretate grazie alla fantasia e alla creatività dei bambini. Il laboratorio si ispira ad un'attività pubblicata sulla rivista Dada della casa editrice Artebambini