Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito, rispettiamo la privacy e le leggi. Accettali se vuoi proseguire.

  • AgoraKids  » La storia di Pierre e Alice

    AgoraKids » La storia di Pierre e Alice

    Laboratorio di lettura in francese e italiano e di espressione artistica, giovedì 24
  • OrCo Radio  »  #InDubbio

    OrCo Radio » #InDubbio

    L'antenna radiofonica in cui si raccontano le azioni di OrCo Digitsys
  • Cinestate » Ricordando Alan Parker

    Cinestate » Ricordando Alan Parker

    Una retrospettiva dedicata al grande regista recentemente scomparso
  • Ottobre » Corso di stampa 3D

    Ottobre » Corso di stampa 3D

    Impara a progettare e stampare in 3D. Chiedi informazioni in Agorateca
  • Ottobre  » Corso di Fotografia

    Ottobre » Corso di Fotografia

    Tecnica, composizione e cultura della fotografia: il corso con Luigi Porzia

Il prossimo 6 dicembre alle ore 19 presso l’Agorateca di Altamura, in via Stefano Lorusso 1, iniziano i lavori della seconda edizione della rassegna Epicentro, promossa e organizzata dal Movimento Culturale Spiragli con Asmae Dachan.

Ad animare il primo appuntamento in calendario, “Le voci dei siriani”, sarà la giornalista Asmae Dachan, dalla cui voce potremo ascoltare il racconto di una rivoluzione iniziata pacificamente otto anni fa dal popolo siriano per la riappropriazione dei propri diritti e delle proprie libertà, e soppressa sistematicamente e militarmente dal regime di Bashar al-Assad.

Nata ad Ancona nel 1972 da genitori siriani, Asmae Dachan Collabora con numerose testate nazionali tra cui Panorama, Avvenire, Antimafia 2000 e The Post Internazionale, occupandosi di esteri, in particolare Medio Oriente e Nord Africa, di immigrazione, diritti umani, dialogo interreligioso e interculturale. Ha pubblicato romanzi e libri di poesie.

Il suo ultimo romanzo, “Il silenzio del mare” edito da Castelvecchi, è stato finalista al Premio Piersanti Mattarella.

Ha vinto numerosi premi giornalistici per i suoi reportage sulla Siria. L’ultimo riconoscimento ricevuto è il “Premio per la pace e l’amicizia tra i popoli” assegnato a settembre 2018 nell’ambito del concorso Giornalisti del Mediterraneo per il reportage “Porto franco” pubblicato su Panorama.

L’Università della Svizzera per la Pace l’ha nominata a vita “Ambasciatrice di Pace” ed è consigliere permanente dell’Università per la Pace delle Marche. Il 2 giugno 2019 è stata insignita del titolo di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana".

Epicentro 06.12.19