Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito, rispettiamo la privacy e le leggi. Accettali se vuoi proseguire.

  • COMETA  » Verso la comunità educante

    COMETA » Verso la comunità educante

    Appunti, riflessioni e idee per costruire una comunità educante del territorio altamurano
  • Un libro in prestito?  » #teloportiamoacasa

    Un libro in prestito? » #teloportiamoacasa

    Promuoviamo la lettura. Scegli il tuo libro, te lo consegneremo a domicilio.
  • Agor@dio  » La radio di comunità

    Agor@dio » La radio di comunità

    Ascolta i podcast realizzati dalla redazione

awand 1Nei prossimi giorni sarà finalmente disponibile in vendita in Agorateca la nuova rivista a tiratura limitata di arti e creatività Awand, curata dal direttore Antonio Cornacchia Scopri di più e prenota subito la tua copia!

Che cos’è Awand? È un oggetto tangibile, fatto di carta e inchiostro. Una rivista, trimestrale e a tiratura limitata, con lunghe interviste ad autrici e autori che agiscono nell’ambito delle arti e della creatività. Vogliamo conoscere 
la loro formazione, la carriera, la poetica, il metodo 
e soprattutto le motivazioni: vogliamo capire perché queste persone suonano, dipingono, filmano, scrivono, eccetera. Vogliamo osservare il processo creativo per scoprire le urgenze che fanno nascere le opere, i suoni, le azioni. 
Intervisteremo uomini e donne in grado di raccontare storie interessanti, anzi, il cui lavoro è interessante, perché noi siamo quello che facciamo. Persone che usando i linguaggi delle arti innescano riflessioni, mettono in dubbio le nostre certezze, ci rendono (anche solo un po’) più consapevoli di chi e cosa siamo, di cosa facciamo, di quello che succede dentro e intorno a noi tutti.
 Lo faremo cercando di non scivolare nel mainstream più scontato e di non serrarci in una nicchia angusta e asfittica, attraversando i linguaggi e i generi, così da tenere insieme arti visive e musica, fumetto e cinema, teatro e letteratura... senza pregiudizi e senza considerare un linguaggio più importante di un altro.
Vogliamo farlo evitando il gergo autoreferenziale, per iniziati, di molta stampa specialistica. Vogliamo parlare 
in maniera chiara e semplice anche quando si affrontano temi profondi e complessi.
Vi sembrano intenzioni, argomenti e strumenti poco alla moda, vero? Intorno a noi tutto è impalpabile più che digitale, tutto va a velocità folle scivolando sulla superficie, sfiorando piccole e grandi questioni, consumando idee, merci, esistenze. Noi vogliamo invece renderci corpo estraneo di questa bulimia informativa. Vogliamo respirare profondamente e dedicare il giusto tempo alla lettura, eliminando le distrazioni, anche quelle grafiche. 
Vogliamo dare la giusta attenzione alle cose.
Awand si pronuncia auànd e non è una parola esotica. 
Nel dialetto pugliese significa letteralmente agguanta, afferra, ma in senso figurato significa fai attenzione. 
Esortazione e auspicio allo stesso tempo.

Copertina 01 awand tipografia 1