Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito, rispettiamo la privacy e le leggi. Accettali se vuoi proseguire.

  • Quanto manca al Natale?  » Calendario dell'Avvento

    Quanto manca al Natale? » Calendario dell'Avvento

    Ogni giorno una nuova storia, in attesa del Natale.
  • Biblioteca chiusa?  » No problem, #teloportiamoacasa

    Biblioteca chiusa? » No problem, #teloportiamoacasa

    Promuoviamo la lettura nonostante la chiusura al pubblico. Scegli il tuo libro, te lo consegneremo a domicilio.
  • Libriamoci  » Leggiamo e disegniamo insieme

    Libriamoci » Leggiamo e disegniamo insieme

    Il primo di una serie di incontri online di letture ad alta voce
  • OrCo Radio  »  #InDubbio

    OrCo Radio » #InDubbio

    L'antenna radiofonica in cui si raccontano le azioni di OrCo Digitsys

il principe e il povero slide 1

Mercoledì 25 settembre, alle ore 18,00, l'Agorateca ospita eccezionalmente lo spettacolo "Il Principe e il Povero" - spettacolo per attori e burattini, della compagnia Granteatrino. L'appuntamento è realizzato grazie alla collaborazione con Officine Culturali  - Hortus di Gravina in Puglia, ed è riservato ai bambini da 4 a 10 anni, nonché ai loro genitori. L'ingresso è gratuito.

Liberamente ispirato al libro di Mark Twain su adattamento di Caterina Wierdis

con Anna Chiara Castellano Visaggi e Giacomo Dimase

pupazzi Natale Panaro

scene Anna Chiara Castellano Visaggi

regia Paolo Comentale

 

età consigliata 4-10 anni

 

Per la messa in scena dello spettacolo Il Principe e il Povero, liberamente tratto dal grande classico della letteratura di Mark Twain, abbiamo tratto ispirazione dalle molte versioni animate e cinematografiche di questo capolavoro, amate e riconosciute dal pubblico dei bambini. Le differenze economiche possono influenzare tutta la crescita di un bambino, ma non minarne la vera natura. E dall’esperienza di vita si può trarre lezione, com’è dimostrato nella storia di Mark Twain. Il principe Edoardo e il povero Tom si incontrano e, stanchi della loro vita e molto simili nell’aspetto fisico, si scambiano i “ruoli”. Di qui tutta una serie di avventure, ma, alla fine, essi ne usciranno migliorati e sapranno rivelare la loro vera natura. Un allestimento molto giocoso in cui un narratore attore interagirà con gli spettatori per coinvolgerli nelle vicende e per dialogare con i burattini protagonisti della storia.

Il testo pone l’accento su quanto, nonostante le differenze economiche e culturali, la natura del bambino sia assolutamente la stessa a prescindere dalla provenienza familiare e come ognuno di essi possa, come il Povero di Twain, manifestare grande saggezza e generosità a prescindere dalla sua estrazione sociale.