Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito, rispettiamo la privacy e le leggi. Accettali se vuoi proseguire.

  • Servizio prestito  » A partire dal 2 dicembre

    Servizio prestito » A partire dal 2 dicembre

    Agorateca avvia il servizio di prestito libri per tutti i tesserati
  • Natale dei piccoli  » Il deserto e la neve

    Natale dei piccoli » Il deserto e la neve

    Torna in Agorateca Carlo La Manna con la compagnia Quattro Piume con uno spettacolo per tutta la famiglia
  • Natale dei piccoli  » Ilaria Gelmi ne

    Natale dei piccoli » Ilaria Gelmi ne "La pastora"

    Una storia che parla di solidarietà, quella semplice, diretta e umana senza alcun secondo fine
  • Agoradio » Inaugurazione 11 dicembre

    Agoradio » Inaugurazione 11 dicembre

    La radio web inaugurata ufficialmente alla presenza del direttore generale dell'Agenzia azionale giovani
  • Cani di Jazz(o)  » Paolo Zanzara e Felice Cosmo

    Cani di Jazz(o) » Paolo Zanzara e Felice Cosmo

    Un talk dedicato a Lucio Battisti e e un concerto di piano solo: due appuntamenti imperdibili!
  • Progetto ROOF » Meeting di valutazione

    Progetto ROOF » Meeting di valutazione

    L'Agorateca ospita il meeting finale del progetto internazionale dal 12 al 15 dicembre
  • Gianni Rodari  » Cent'anni e non sentirli

    Gianni Rodari » Cent'anni e non sentirli

    Nel 2020 si celebra il centenario della nascita. Anche l'Agorateca si prepara a rendergli omaggio.

Sabato 12 ottobre, alle ore 11,00, in esclusiva per l'Agorateca, "Il deserto e la neve", uno spettacolo della Compagna di teatro e suono "LunA", prodotto da suonidellamurgia.net

Il deserto e la neve è una narrazione con musica dal vivo, uno spettacolo ispirato ad una storia vera che parla di diversità dialogo tra culture diverse. Un atto unico che vede in scena:

Adolfo La Volpe - oud e chitarra portoghese

Carlo La Manna - narrazione e basso

Luigi Bolognese - chitarre

Francesco Savoretti - percussioni e colori

Carlo La Manna

 

Nella primavera del 2001, in una piccola frazione di circa 300 abitanti, una coppia di giovani arabi affitta una casa vicino ad un convento di frati francescani. La loro presenza disturba fin da subito la quiete del paese: la comunità, composta solo da contadini e artigiani originari del luogo, non ha mai avuto contatti con “stranieri”, specialmente musulmani e la nuova famiglia viene isolata. I frati, Santino e Bulio, osservano questa nuova situazione e si chiedono come possano far incontrare queste due culture così diverse e apparentemente così lontane. Una mattina, dopo le lodi, decidono di bussare alla porta di Adel e Amina e, come segno d’amicizia, portano con sé i pomodori e l’insalata che loro stessi coltivano ma Adel, rifiuta ogni dono e gentilmente li invita a non occuparsi di loro...