Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito, rispettiamo la privacy e le leggi. Accettali se vuoi proseguire.

  • Epicentro  » Jean-Claude Chincheré

    Epicentro » Jean-Claude Chincheré

    Il fotografo valdostano in Agorateca racconta la sua esperienza nei campi profughi libanesi.
  • Mozart » Cronache musicali di una rockstar

    Mozart » Cronache musicali di una rockstar

    Domenica 26 gennaio, ore 18.30, un talk sul grande musicista a cura di Angelo Guida e Michele Morelli
  • Jazz Dogs  » Giorgio Casadei / Doctor Delta

    Jazz Dogs » Giorgio Casadei / Doctor Delta

    Terzo ed ultimo blocco della rassegna, con un talk e un live, l'1 e 2 febbraio
  • Giornata della Memoria  » Per non dimenticare

    Giornata della Memoria » Per non dimenticare

    Vi aspettiamo il 27 gennaio per un pomeriggio di letture dedicate alle vittime dell'Olocausto
  • Mes Bijoux  » Corsi di lavoro a maglia

    Mes Bijoux » Corsi di lavoro a maglia

    Da febbraio corsi di lavoro a maglia per grandi e bambini
  • Febbraio  » Laboratori di riciclaggio creativo e arte

    Febbraio » Laboratori di riciclaggio creativo e arte

    Partono a febbraio i nuovi laboratori a cura delle volontarie Luca, Bori e Magda.
  • Agorateca sei mesi dopo » Un primo bilancio

    Agorateca sei mesi dopo » Un primo bilancio

    Ne discutiamo il 4 febbraio con il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano
  • Questionario  » La tua opinione sull'Agorateca

    Questionario » La tua opinione sull'Agorateca

    A sei mesi dall'apertura, l'Agorateca vi chiede di valutare la vostra esperienza e dare suggerimenti

Sabato 12 ottobre, alle ore 11,00, in esclusiva per l'Agorateca, "Il deserto e la neve", uno spettacolo della Compagna di teatro e suono "LunA", prodotto da suonidellamurgia.net

Il deserto e la neve è una narrazione con musica dal vivo, uno spettacolo ispirato ad una storia vera che parla di diversità dialogo tra culture diverse. Un atto unico che vede in scena:

Adolfo La Volpe - oud e chitarra portoghese

Carlo La Manna - narrazione e basso

Luigi Bolognese - chitarre

Francesco Savoretti - percussioni e colori

Carlo La Manna

 

Nella primavera del 2001, in una piccola frazione di circa 300 abitanti, una coppia di giovani arabi affitta una casa vicino ad un convento di frati francescani. La loro presenza disturba fin da subito la quiete del paese: la comunità, composta solo da contadini e artigiani originari del luogo, non ha mai avuto contatti con “stranieri”, specialmente musulmani e la nuova famiglia viene isolata. I frati, Santino e Bulio, osservano questa nuova situazione e si chiedono come possano far incontrare queste due culture così diverse e apparentemente così lontane. Una mattina, dopo le lodi, decidono di bussare alla porta di Adel e Amina e, come segno d’amicizia, portano con sé i pomodori e l’insalata che loro stessi coltivano ma Adel, rifiuta ogni dono e gentilmente li invita a non occuparsi di loro...