Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito, rispettiamo la privacy e le leggi. Accettali se vuoi proseguire.

x27Si è svolto domenica 9 febbraio il primo appuntamento del progetto "Chi semina raccoglie" con tanti cittadini curiosi di tutte le età. In questo articolo un piccolo report e qualche foto.

L'inaugurazione del progetto ci ha permesso di illustrare le tappe del percorso, reso possibile grazie al bando  No Planet B a cui a partecipato l'associazione Link - ente gestore dell'Agorateca - promosso dalla Fondazione punto.sud e grazie ad una campagna di crowdfunding attraverso la piattaforma Produzioni dal basso.

Il pomeriggio si è articolato in visite all'orto esistente e all'area interessato dal progetto di recupero appena avviato, scambi id idee e raccolta di proposte, piantumazione di legumi e verdure, letture con i bambini di libri a tema ambientale, ascolto dei podcast realizzati sul progetto e realizzazione di interviste ai partecipanti per i prossimi podcast. Il pomeriggio è stato anche allietato dalla colonna sonora suonata al pianoforte dal vivo dal volontario francese Julian.

Le volontarie Louise e Caroline hanno illustrato i laboratori in corso con il progetto Gang, mobili da sogno, mentre gli altri volontari hanno supportato l'organizzazione della giornata e preparato un aperitivo internazionale con cui si è conclusa la giornata.

Abbiamo anche incontrato alcuni esperti che ci accompagneranno nel percorso di rigenerazione del giardino: Saverio Massaro (architetto) e Paolo Direnzo (agronomo), oltre ad una serie di altri cittadini che hanno messo a disposizione le loro competenze per la realizzazione di questo percorso partecipato.

Il progetto proseguirà con altri appuntamenti, laboratori teorici e pratici, il cui calendario sarà reso noto a breve. Continuate a seguirci e ricordatevi che chi semina raccoglie!